LINK ALTRI COMITATI E SITI ISTITUZIONALI
 
News
11/04/2016
NUOVA LEGGE/SPORT DELLA P.A.T.

In attesa di poter disporre del testo della nuova Legge in materia di Sport, approvata lo scorso 7 aprile dal Consiglio Provinciale di Trento, nel merito, sulla base dei sostanziali elementi che si hanno a disposizione, si ritiene opportuno riportare il testo dell’intervista che il Presidente Ettore Pellizzari ha rilasciato all’Adige sabato 9 aprile scorso.

Il Consiglio Direttivo ringrazia i Presidenti delle Società affiliate per l’importante e determinante sostegno fornito che ha consentito di ottenere, seppur in mezzo ad innumerevoli grandi ostacoli, i risultati auspicati sin dall’inizio.

La Legge verrà trasmessa a tutte le Società allorché sarà ufficialmente pubblicata.

Di seguito l’intervista riportata anche nell’allegato.

 

TRENTO - Le battaglie è abituato a portarle fino in fondo, quasi sempre portando a casa il risultato prefissato. E anche stavolta è andata così.

All’indomani dell’approvazione praticamente unanime da parte del Consiglio provinciale della nuova legge sullo sport (31 voti a favore e un’unica astensione), il presidente del Comitato trentino della Federazione italiana giuoco calcio, Ettore Pellizzari, può dirsi soddisfatto del testo varato in aula.

La FIGC trentina, dopo aver studiato nel dettaglio la prima stesura del testo, aveva chiesto a gran forza di essere ascoltata dall’assessore provinciale allo sport Tiziano Mellarini dopo non essere stata convocata in audizione in commissione nonostante sia di gran lunga la federazione con il maggior numero di tesserati in provincia. Ottenuto l’incontro e soprattutto il rinvio di un mese della discussione del testo di legge, con una serie di emendamenti sono state accolte anche le osservazioni avanzate puntualmente dalla Figc.

«Presidente Pellizzari, come valuta il testo della nuova legge sullo sport? «Non ho avuto ancora la possibilità di leggere il testo approvato. Giovedì pomeriggio ho assistito in Consiglio provinciale alle dichiarazioni dei partiti e al voto finale di approvazione, quasi unanime. Da quello che ho appreso, il giudizio del consiglio direttivo della Figc può dirsi estremamente positivo.» Quindi il testo approvato può essere considerato una vittoria della Figc? «Direi una vittoria del volontariato che trova la sua espressione nell’associazionismo sportivo di tutte le federazioni, ma anche delle discipline associate e degli enti di promozione. Tutti, con intensità e modi diversi, hanno dato un contributo per ottenere sostanziali modifiche all’iniziale testo del disegno di legge. L’impegno profuso dalla Figc, portato avanti dal consiglio direttivo e dalla consulta provinciale, può essere sicuramente definito massimale. Ciò si è reso possibile grazie all’unanime sostegno delle società affiliate.» Quindi soddisfatto? «Senza dubbio soddisfatto». Quali sono gli elementi che maggiormente incontrano il vostro favore? «Nel testo di legge sono stati inseriti contenuti che valorizzano il volontariato sportivo sia dal punto di vista simbolico che da quello materiale. L’associazionismo viene confermato in primissimo piano e sopra a tutto: non avrebbe potuto accadere diversamente. Ad esso sono stati riconosciuti concreti benefici in termini di sostegno finanziario per la promozione dello sport giovanile, per gli oneri assicurativi di atleti, tecnici e dirigenti, per gli oneri e le responsabilità legate all’introduzione obbligatoria dei defibrillatori semiautomatici». Dopo l’approvazione unanime da parte della IV commissione del disegno di legge, avvenuta lo scorso febbraio, era difficile pensare che il testo potesse essere modificato così profondamente. «Questo è stato un atto di responsabilità, sensibilità e umiltà della politica trentina; un comportamento che ho davvero apprezzato moltissimo. Emblematico era il clima positivo e costruttivo che aleggiava nell’aula del Consiglio provinciale. Ringrazio gli esponenti politici, noti a tutti, che hanno consentito e determinato questo percorso, i proponenti della nuova legge e l’assessore Mellarini che ha dimostrato lungimiranza politica. Un ringraziamento al presidente della ViPo Trento Marco Sembenotti che, da soggetto politico qual è, ha supportato al meglio la nostra azione».
FOTO GALLERY