LINK ALTRI COMITATI E SITI ISTITUZIONALI
 
News
12/12/2021
DAGLI UNDICI METRI SORRIDE IL MORI

Rimonta da ricordare per il Mori S. Stefano, che chiude il primo tempo in doppio svantaggio, ma nella ripresa pareggia i conti e poi s’impone ai tiri di rigore. I lagarini la prossima settimana sfideranno la Virtus Bolzano nella finale regionale, che permetterà di accedere alla competizione nazionale.

La partita comincia con l’Ananune maggiormente propositiva: al 3’ si sviluppa un’azione pericolosa sulla corsia di destra in combinazione tra Diabate e Biscaro, ma nessuno in mezzo all’area riesce a raccogliere l’invitante passaggio. Cinque minuti più tardi Pinamonti scappa sulla sinistra e serve Bentivoglio, che appostato sul secondo palo non sbaglia. Il Mori risponde con un’iniziativa personale di Pezzato, ma l’attaccante perde il tempo per il tiro, sprecando il contropiede. Al 23’ l’Anaune raddoppia con Bentivoglio, che finalizza nel migliore dei modi un’azione nata sulla fascia sinistra. Nel finale di tempo il Mori sfiora in due occasioni il gol, ma Cescatti e Deimichei non riescono ad inquadrare il bersaglio.

La ripresa si apre con un tiro dal limite di Biscaro, uscito di poco sul fondo, mentre sul cambio di fronte Pozza da buona posizione spreca il passaggio di Libera. Il regista lagarino accorcia le distanze qualche minuto più tardi con un preciso calcio di punizione. Galvanizzati dalla rete i ragazzi di Zoller premono alla ricerca del pari, mentre l’undici di Moratti difende con ordine, per ripartire in contropiede. Al 28’ arriva il pareggio al termine di una prolungata azione conclusa dal tiro di Pezzato, sul quale Gionta nulla può. Nei minuti finali non si registrano azioni pericolose, quindi servono i supplementari per decretare la vincitrice.

Nonostante la stanchezza la gara si mantiene vivace anche nei supplementari: al 5’ Fiorini in diagonale sfiora il vantaggio, mentre nel secondo parziale è provvidenziale Diabate a neutralizzare il tiro di Pezzato. Si va’ ai tiri di rigore: a decidere l’incontro ci pensa capitan Pozza, che regala la coppa al Mori S. Stefano.


A fine gara il presidente del CPA di Trento Stefano Grassi ha ringraziato la quaterna arbitrale e le squadre per la partita disputata, come pure l'US Lavis per l'ospitalità. Alla premiazione erano presenti anche il vicepresidente vicario Giorgio Barbacovi ed i consiglieri Paolo Guaraldo e Renzo Rosà.  



MORI S. STEFANO - ANAUNE 6-4 d.c.r.

RETI: 9’ pt, 23’ pt Bentivoglio (A), 8’ st Libera (M), 28’ st Pezzato (M)

RIGORI: Pezzato (M) gol, Sanzo (A) gol, Fiorini (M) gol, Kurtaj (A) fuori, Pedrotti (M) gol, Biscaro (A) fuori, Libera (M) traversa, Diabate (A) gol, Pozza (M) gol

MORI S. STEFANO: Carpi, Pozza, Carotta (18’ st Bolognani), Deimichei (35’ pt Dal Fiume), Libera, Cescatti, Pedrotti, Dossi (1’ pts Passerini), Canali (25’ pt Candio), Fiorini, Pezzato. All. Zoller

ANAUNE: Gionta, Diabate, Rizzi (37’ st Sanzo), Segna (5’ sts Odorizzi), Faes, Badjan, Bentivoglio, Casagrande (26’ st Kurtaj), Biscaro, Misimi (26’ st Nella), Pinamonti. All. Moratti

ARBITRO: Cortese di Bolzano (Cozzio di Rovereto e Giannone di Arco-Riva)

NOTE: Ammoniti Dossi, Fiorini, Candio (M), Casagrande, Pinamonti, Nella, Kurtaj (A)